Nuovo complesso scolastico

committente
Comune di Padova

anno - luogo
0, Padova, Italia

Il linguaggio architettonico deve sviluppare forme e spazi che stimolino crescita e sensorialità, prevedere materiali e tecnologie rispettose della salute psicofisica dei bambini, contestualizzarsi con la morfologia e lo stato dei luoghi.

Progetto

Tenendo conto della conformazione e dell’orientamento del lotto, ma anche della necessità di ottimizzare gli spazi organizzando alcune funzioni comuni – ambienti “cerniera” – alle diverse scuole, si propone la realizzazione di due blocchi principali, uno per il polo dell’infanzia, l’altro per la scuola primaria e secondaria di primo grado.

Ciascun blocco, caratterizzato da due volumi collegati tra loro dagli spazi comuni, si compone all’interno di una griglia a maglia quadrata (modulo aula) disposta secondo l’asse longitudinale del lotto.

Nella porzione più a sud, privilegiandone l’accessibilità, si origina il polo dell’infanzia; l’area verso nord, ospita la scuola elementare e media.

La rotazione della griglia, determinata dalla volontà di orientare tutte le aule verso sud, prende forza nel blocco elementare – media dove anche le coperture assecondano l’inclinazione.

Un terzo edificio, che ospita la palestra e i servizi di ambulatorio, si sviluppa lungo una direttrice più casuale, determinata dai segni liberi dei percorsi e dai confini delle aree di gioco che caratterizzano le sistemazioni esterne di progetto.

Spazi esterni

È prevista per ciascuna scuola un’area destinata al gioco all’aperto: per il polo nido/materna lo spazio esterno è in diretta comunicazione con le aule della didattica; per il polo elementare/media con gli ambienti delle attività collettive.

Tutte le aree esterne sono protette da schermature a verde, rispetto ai confini stradali e alle lottizzazioni adiacenti; le recinzioni sono costituite da setti murari in calcestruzzo colorato in pasta, interrotti ritmicamente da delimitazioni in rete metallica (permeabilità visiva).